In vista della festa della donna

L’otto marzo sarà la festa delle donne. Vorrei ricordare a tutti il significato autentico di questa festa che nacque nei primi decenni del ‘900 per ricordare ogni anno le conquiste sociali, politiche ed economiche ottenute dalle donne, ma anche per non dimenticare le discriminazioni e le violenze di cui da sempre esse sono vittime.

La mimosa fu scelta come simbolo della festa della donna nel 1946, secondo un’idea di Teresa Noce, Rita Montagnana e di Teresa Mattei.

La festa fu riconosciuta solo nel dicembre del ’77, anno in cui l’Assemblea generale delle Nazioni Unite decretò che ogni stato membro, secondo le sue tradizioni nazionali, avrebbe dovuto stabilire una «giornata delle Nazioni Unite per i diritti della donna e la pace internazionale» da festeggiare in un qualsiasi giorno dell’anno.

Io credo che ricorrenze come questa siano molto importanti e che le persone dovrebbero cercare di andare oltre il lato puramente commerciale (che deturpa  il valore di molte festività).

Vi lascio ora con dei video che trattano della violenza sulle donne. I primi due riguardano la storia di Masika e la situazione attuale in Congo (qui troverete tutte le informazioni a riguardo, e vi consiglio caldamente di leggerle: http://www.unwatchable.cc), il terzo è invece un fatto di cronaca italiana.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...