Gli insegnamenti di Madame Coniglia – Il valore del Silenzio

IMG_20150525_113901

Circa un mese prima di Ostara il mio ragazzo mi ha portato una coniglietta selvatica, Cicia, che da qualche mese “faceva la spesa” liberamente nell’orto di suo zio.

Il rapporto con un coniglio è del tutto differente da quello che si può avere con un cane o con un gatto, questo perchè il coniglio è un animale preda e di conseguenza si spaventa facilmente. Il coniglio, quindi, non gioca nel modo in cui giocano cani e gatti, non si fa prendere in braccio e non ti “parla” con il suono. Già. La comunicazione del coniglio è silenziosa e gestuale, i suoni che emette sono pochi e di solito molto bassi (ad eccezione dell’urlo di dolore). D’altronde il silenzio è per lui sacro: da esso spesso dipende la sua sopravvivenza.

Perchè sto parlando di conigli in un blog che ho deliberatamente dedicato alla spiritualità? Perchè relazionarmi con la mia Cicia mi ha dato spunti per riflettere sul panorama esoterico italiano. Penso che molte persone, più o meno vecchie e giovani, sedicenti streghe, maestri, sacerdotesse, ecc., farebbero bene ad imparare la lezione più importante del Coniglio: il valore del Silenzio, appunto.

Una volta, una delle prime lezioni da capire e imparare era TACERE, nelle sue molte forme e accezioni.

Mi pare che molti, troppi, se lo siano dimenticato e che ormai, comunque, questo insegnamento fondamentale di ogni Tradizione sia stato accantonato, quasi fosse passato di moda. D’altronde, in un mondo così superficiale, ciò che dice lo stupido o l’ignorante ha più valore di quel che pensa un Maestro.

E così, ecco spuntare ovunque personaggi pieni di grandi parole vuote, che si atteggiano da conoscitori  di questo o di quello. Ci sono quelli che dopo anni di “esperienza e studio” non sono neppure capaci di riconoscere un simbolo e di chiamarlo con il nome corretto (ma intanto stanno lì a dare lezioni a gente più ignorante di loro che non potrà mai sperare di migliorare se non si sveglia), oppure quei ragazzini che in un mese di letture su internet hanno la presunzione di sapere tutto di tutto e fanno video o scrivono articoli su cose che nemmeno conoscono, così, solo per darsi un tono.

E tranquilli, che il problema non è solo italiano.

Come ha scritto Flavia nel post con cui ha chiuso Norse Witch: “quando le cose verrano alla luce vi renderete conto che gli analfabeti (provate a fare domande vere a queste persone, vedrete come s’inalbereranno dicendo che gli idioti siete voi, ammesso che riusciate a capire cosa dicono fra una parola pronunciata male ed un verbo coniugato alla cazzo di cane) che tengono pagine su Facebook e fanno dai bei video da WitchTuber non sono altro che ciarlatani, che hanno a cuore solo i “followers”, ma che dentro son marci oltre che ignoranti da far paura. Non è amore per la cultura, non è amore per la proprio cammino e nemmeno per la stregoneria. Ego, nient’altro che Ego”.

La cosa più triste è comunque la gente che mette “Mi Piace” a certe stronzate. Ignoranza su ignoranza.

Forse è anche per questo che sono mesi che non scrivo un post decente. Accampo scuse con mè stessa, ma alla fine la verità è che mi sta passando la voglia di condividere pubblicamente quel poco che ritenevo condivisibile.

Anche questo è TACERE.

Vedremo che succederà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...